Romano: tagli tribunali, no a difesa di interessi di quartiere, sì a modernizzazione del Paese.

"Sono il capogruppo del Pd, il più numeroso di questa maggioranza, ma resto pur sempre libero di esprimere il mio pensiero. E, in questo caso, credo sia stata strumentalizzata una vicenda solo per mettere in discussione l'operato del governo Renzi e senza considerare che la soppresione di alcune sedi dei tribunali non è tra le principali preoccupazioni dei cittadini che ora saranno messi in condizione di dover sborsare altri soldi per un referendum che proverà la seconda volta a bocciare una riforma già partita con successo".

Lo afferma il capogruppo del Pd alla Regione Puglia, Pino Romano, che oggi ha abbandonato l'Aula contestando nel "metodo e nel merito" la convocazione del Consiglio regionale straordinario con cui la Puglia ha deliberato l'adesione al referendum per chiedere l'abrogazione della legge 'taglia-tribunali', insime con le Regioni Abruzzo, Sicilia, Campania e Basilicata.

Per Romano il Consiglio "non può essere prigioniero di questioni che riguardano i territori". "In questo caso - aggiunge - sono saltate le procedure perché c'è stata una convocazione urgente del Consiglio quanto meno impropria, perché basata su un Ordine del giorno che non è stato discusso né presentato dalla Conferenza dei capigruppo; e che investe la Presidenza del Consiglio quando l'ordine dei lavori decisi dalla conferenza dei capigruppo è sostanzialmente esaurito".

Leggi tutto: Romano: tagli tribunali, no a difesa...

Romano: unione territori e sedi dei tribunali distaccate. Note di Pino Romano (Pd)

Unione Comuni: "territori avranno governance più robusta"

Il capogruppo del Pd alla Regione Puglia, Pino Romano, esprime soddisfazione per l'approvazione unanime da parte del Consiglio regionale, della legge sulla Unione dei Comuni presentata dal Partito democratico, e annuncia una conferenza stampa, il prossimo martedì 29 luglio alle ore 11.30, in occasione della seduta del Consiglio regionale. 

"Avremo modo - spiega Romano - di approfondire i vantaggi che la comunità pugliese riceverà dall'approvazione di questa legge che consentirà ai territori di avere una governance più robusta, con l’assunzione di responsabilità e funzioni dirette da parte dei piccoli Comuni che ben conoscono le esigenze dei propri cittadini".

"Si tratta di una normativa - aggiunge - di cui la Puglia doveva dotarsi anche in ragione della scomparsa delle Province". "La Regione Puglia - commenta Romano - è ora al passo con la normativa nazionale, e potrà cedere parti della propria sovranità alle Unione di Comuni, dotando i territori delle risorse necessarie all'adempimento di quelle funzioni che saranno chiamati a svolgere". 

Tribunali: "Vicenda sedi distaccate strumentalizzata"

"L'idea di cavalcare tutte le possibili e probabili suggestioni per di mettere in discussione l'operato del governo Renzi, mi crea qualche imbarazzo politico, al quale cercherò di sottrarmi con la chiarezza che mi è riconosciuta".

Leggi tutto: Romano: unione territori e sedi dei...

Friolo: zone franche, spiraglio per altri Comuni (Mesagne compreso).

“Sono particolarmente contento per la mozione approvata oggi all’unanimità dal Consiglio regionale,  che impegna il Governo regionale ad avviare con tempestività tutte le iniziative presso il Consiglio dei ministri e il Parlamento per recuperare nuove risorse e rendere presto possibile l’emanazione di un nuovo bando CIPE per disporre una nuova istruttoria di selezione e perimetrazione delle Zone Franche Urbane, con relativa ripartizione di risorse anche per i Comuni pugliesi esclusi dal precedente bando per omissioni formali.

Un’importante opportunità per Brindisi, Altamura, Cerignola, Mesagne e Bitonto, dati i vantaggi e le opportunità garantite dalle Zone Franche Urbane alle piccole  e micro-imprese, e la complessiva possibilità di crescita dell’economia, dell’occupazione e del territorio stesso, grazie alla sensibilità dei colleghi che hanno firmato con me la mozione e dell’assemblea che l’ha recepita e condivisa pienamente.

Nota del consigliere regionale di Forza Italia Maurizio Friolo

Leggi tutto: Friolo: zone franche, spiraglio per...

Buone possibilità per Mesagne per essere recuperata nelle Zone Franche Urbane. La delibera regionale.

Con la delibera CIPE 30 gennaio 2008, n. 5, pubblicata nella Gazzetta ufficiale della Repubblica italiana 6 giugno 2008, n. 131, sono stati fissati i "Criteri e indicatori per la individuazione e la Delimitazione delle Zone Franche Urbane";

 Con la delibera CIPE 8 maggio 2009, n. 14, pubblicata nella Gazzetta ufficiale della Repubblica italiana 11 luglio 2009, n. 159, è stata disposta la "Selezione e perimetrazione

delle Zone Franche Urbane e ripartizione delle risorse"• Con la "Selezione e perimetrazione delle Zone Franche Urbane e ripartizione delle risorse" in

Puglia furono presentate 16 (sedici) candidature provenienti dai Comuni di Foggia, Manfredonia, Lucera, San Severo, Cerignola, Mesagne,

Leggi tutto: Buone possibilità per Mesagne per...

Friolo: petizione popolare per raccogliere firme dei pugliesi sempre più delusi.

Ieri sera il consigliere regionale Maurizio Friolo (Pdl-FI), ha spiegato a Brindisi, insieme al collega Antonio Scianaro, il senso della petizione popolare promossa per raccogliere le firme dei pugliesi sempre più delusi e stremati da una tassazione aggiuntiva che, alla luce del miglioramento dei conti decantato, non ha più alcun senso, nelle attuali proporzioni.


Oggi rincara la dose Maurizio Friolo, consigliere regionale di Forza Italia e vicepresidente della III Commissione Sanità. “I numeri sono importanti non solo in termini economici, ma anche e soprattutto alla luce dei servizi erogati: e basta sfogliare un giornale un qualsiasi giorno della settimana e dell’anno per rendersi conto di quanto i servizi erogati in particolare in sanità siano pessimi, e quanto alto e generalizzato sia il livello di insoddisfazione.

Le liste d’attesa restano ancora là, addirittura peggiorate, la carenza di personale alimenta disagi su disagi, il piano di rientro e riordino ha prodotto effetti devastanti sui territori, congestionando in particolare i grandi ospedali” sottolinea.

“Ma se tutto questo disastro ha prodotto un reale e sostanziale riequilibrio del bilancio regionale, allora è il momento di smetterla di spremere i cittadini, costretti dal centrosinistra e dal governo Vendola – nel solo arco temporale che va dal 2007 al 2013 – a versare tasse aggiuntive per un totale di 1,865 miliardi euro, attraverso aumenti indiscriminati di Irpef, Irap, Gas metano, deposito rifiuti in discarica, accisa sulla benzina” continua.

Leggi tutto: Friolo: petizione popolare per...

Emergenza sangue: un comunicato di Epifani (Pd) eduna nota di Friolo (F.I.).

“Torno a sollecitare per l’ennesima volta le strutture regionali competenti e l’assessore alla Sanità, Donato Pentassuglia, affinché deliberino lo schema di convenzione tipo che la Asl di Brindisi può sottoscrivere con le associazioni di volontariato, la cui revoca sta creando importanti disagi alle attività trasfusionali negli ospedali di tutta la provincia”. Lo ha ribadito il consigliere regionale Pd, Giovanni Epifani, che alcune settimane fa aveva posto il problema all’attenzione di Silvia Papini, dirigente del servizio Programmazione assistenza ospedaliera e specialistica, e all’assessore uscente, Elena Gentile, chiedendo soluzioni immediate.
Spiega Epifani: “La convenzione sperimentale con l’Avis garantiva l’autosufficienza ematica nella provincia brindisina ovvero 12mila sacche l’anno distribuite tra gli ospedali del territorio. Lo stop invece di ogni atto convenzionale che la Regione ha imposto alla Asl di Brindisi ha determinato un calo sensibile dell’apporto di sangue presso il dipartimento di Medicina Trasfusionale del “Perrino” e le unità di raccolta degli ospedali di Francavilla Fontana e Ostuni.

Leggi tutto: Emergenza sangue: un comunicato di...

Friolo: l’apertura di Vitali al Ncd è l’invito a superare screzi e contrasti personali.

“Quella di Luigi Vitali, coordinatore provinciale del nostro partito, era un’apertura al Nuovo Centrodestra, un invito al dialogo e a una possibile e necessaria collaborazione in vista di appuntamenti particolarmente significativi per il territorio e per la comunità tutta, a partire dalle prossime elezioni regionali. E un sostanziale invito alla coerenza, perché una visione critica e obiettiva verso una coalizione e un modo sostanziale di fare e intendere la politica non può poi essere contraddetta da intese e alleanze locali che mettono in discussione le stesse ragioni dell’esistenza di un partito che nella sua denominazione pur evoca valori, riferimenti e appartenenza al centrodestra, e senza distinguo e trattini divisori”.

Maurizio Friolo, consigliere regionale di Forza Italia, interviene dopo la secca risposta del coordinatore provinciale di NCD a Brindisi, Ciro Argese, a Luigi Vitali. “Screzi e contrasti personali non possono e non dovrebbero condizionare collaborazione e confronto politico” continua. “Proprio l’ambiguità del partito di Alfano nel brindisino è stata una delle principali ragioni del mio rapido allontanamento dopo l’iniziale adesione, motivata dalla necessità di ridare slancio e smalto all’azione del centrodestra, area in cui mi colloco decisamente e senza tentazioni di sorta.

Leggi tutto: Friolo: l’apertura di Vitali al Ncd è...

Vendola con assessori incontra i sindacati: "Bene lavoro minimo cittadinanza"


“Per noi è sempre molto importante che in un momento tempestoso e di crisi continua ci siano interventi che servono non alla sopravvivenza ma al rilancio delle attività produttive. E’ importante ascoltare i sindacati, che hanno il termometro per misurare la febbre che c’è soprattutto in quella parte del mondo del lavoro che scivola nel rischio del licenziamento e della perdita di un reddito. Noi siamo sempre molto attenti, non solo alla segnalazione della inquietudine e del disagio sociale, ma anche alle proposte del sindacato”.

Lo ha detto il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola al termine del confronto con le segreterie regionali Cgil, Cisl, Uil e Ugl che si è svolto questo pomeriggio in Presidenza.

“Abbiamo presentato ai sindacati – ha detto Vendola - il quadro ricognitivo delle opere e dei cantieri, l’accelerazione che abbiamo prodotto in questi mesi affinchè ad ogni cantiere corrispondessero posti di lavoro. Abbiamo offerto anche una rappresentazione di dettaglio di questioni specifiche che possono costituire altrettanti tavoli da convocare per approfondire e capire come si supera un blocco e una paralisi, come cioè tutto il sistema si sincronizza per non rassegnarsi a nessun intoppo. Di fronte alla emergenza, tutti gli attori devono dare risposte”.

Leggi tutto: Vendola con assessori incontra i...

Parifica bilancio Regione, di Gioia: "Lusinghero giudizio Corte dei Conti"

Lusinghiero il giudizio della Corte dei Conti espresso nell’ambito del procedimento di parifica del rendiconto generale dell’esercizio finanziario 2013 della Regione Puglia nell’udienza di oggi a Bari presso la Sezione regionale di controllo per la Puglia.

“Il parere positivo ci dà grande soddisfazione – spiega l’assessore al Bilancio Leo di Gioia – e ci gratifica perché certifica l’impegno, le buone prassi ed il buon governo che la Giunta e le strutture tecniche hanno saputo mettere in campo, che si riverberano sui conti della Regione. Il bilancio regionale è in equilibrio.

La Regione Puglia attua le politiche di contenimento delle spese di funzionamento che lo Stato centrale richiede e che il particolare momento di crisi impone. L’avanzo di amministrazione disponibile (circa 120 milioni di euro) sarà utilizzato per la gran parte per le politiche di contrasto alla povertà ed alla crisi economica in atto”.

“L’interlocuzione con una autorevole istituzione quale è la Corte dei Conti – aggiunge di Gioia – ci sprona a perseguire sempre più elevati livelli di performance nella gestione dei conti: tale prospettiva sarà più evidente con la discussione e l’approvazione dell’assestamento di bilancio che affronteremo in giunta nei prossimi giorni”.  

Leggi tutto: Parifica bilancio Regione, di Gioia:...

Vendola nomina il nuovo assessore alla sanità, Donato Pentassuglia

Il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola ha firmato questo pomeriggio il decreto di nomina del nuovo assessore regionale al Welfare e alla Sanità della Regione Puglia. E’ il consigliere regionale del Pd Donato Pentassuglia che dal 1 luglio sostituirà Elena Gentile, eletta al Parlamento europeo.
Il Presidente Vendola ha anche disposto che fino alla data del 1 luglio, l’assessore Gentile “resti nella piena titolarità delle deleghe”.
Il Decreto del Presidente Vendola riporta gli articoli di tutte le normative vigenti sulla incompatibilità tra la carica di membro del Parlamento europeo e quella di assessore regionale.
“Si tratta – ha detto il Presidente Vendola – di un provvedimento che sono costretto a fare di fronte alla evidenza normativa. L’Assessore Gentile è stata per la mia Amministrazione una straordinaria risorsa di cui faccio a meno con grande dolore. Resta intatto e solido il legame che in questi anni ho avuto con lei. Una donna eccezionale e nello stesso tempo competente e generosa, capace di coniugare, come a volte solo le donne sanno fare, senso di responsabilità, visione politica ed una incontenibile carica umana. I risultati elettorali del Partito Democratico in Puglia, certo raccolti in elezioni diverse da quelle regionali, ma pur sempre significative, mi hanno consigliato di far cadere la scelta del sostituto di Elena verso una nitida competenza amministrativa, manifestatasi già nel complesso lavoro di Aula, di quello stesso partito. Sto parlando di Donato Pentassuglia, capace, per altro, di esprimere una compiuta rappresentanza di un territorio, quale quello ionico, oggi particolarmente sofferente.

Leggi tutto: Vendola nomina il nuovo assessore alla...

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy.