Friolo: “Sanita', tutti i nodi irrisolti stanno venendo al pettine”.

Di seguito, una nota del consigliere regionale di Forza Italia Maurizio Friolo, vicepresidente della III Commissione Sanità.

“Sono tanti, troppi i nodi irrisolti che stanno venendo al pettine, i problemi diventati regolarmente e colpevolmente emergenze, le conseguente di mancati controlli, di mancate osservanze di leggi e regolamenti, gli atti e le azioni sbagliate con le quali l’ultimo arrivato all’assessorato alle Politiche per la Salute, Donato Pentassuglia, è costretto quotidianamente a confrontarsi.

E da tanto, troppo tempo ho denunciato e continuo a denunciare l’ormai consolidato strapotere e arbitrio dei direttori generali delle Asl, la discutibilità di tanti loro atti, a Brindisi o altrove, le leggi regionali che venivano e vengono ignorate o liberamente interpretate (in maniera difforme rispetto ad altri colleghi e territori), la riorganizzazione dei dipartimenti in assenza di atto aziendale, i collegi di direzione previsti e disattesi, fino all’esplosione finale di una normale amministrazione calpestata, a mandato scaduto, da una serie incredibile di provvedimenti e atti che, dopo la nostra denuncia in conferenza stampa e nell’ultimo consiglio regionale, hanno costretto l’Assessore a un richiamo pubblico, sperando sia sufficiente –ma ho forti dubbi al riguardo- per scongiurare l’intervento della magistratura, costretta a supplire all’assenza (o peggio, alla complicità) della politica.

Leggi tutto: Friolo: “Sanita', tutti i nodi...

Scianaro: “Liste d'attesa, inaccettabile addossare colpe ai medici”

“L’assessore Pentassuglia ha ripreso i direttori generali e di questo lo ringraziamo, dopo le nostre ripetute denunce di atti di straordinaria amministrazione approvati dagli stessi, nonostante sia scaduto il mandato. Ora, però, mi auguro che l’assessore prenda la decisione più opportuna e realmente utile alla collettività: nominare le nuove triadi alla guida delle aziende sanitarie”. Lo dichiara il Consigliere regionale di Forza Italia, Antonio Scianaro.

“Non si può perdere altro tempo – aggiunge - e certo non è accettabile che chi non ha più alcun titolo continui a gestire il servizio. Abbiamo bisogno, e con la massima urgenza, di un nuovo management che sappia dare un impulso forte e significativo per il miglioramento della nostra sanità, e mi auguro che Pentassuglia non si faccia ‘portare a spasso’ dalle resistenze del Pd.

Leggi tutto: Scianaro: “Liste d'attesa,...

Vendola scrive ad Emiliano: "Turbato da allusioni e bugie che generano veleni".

Il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola ha scritto una lettera al segretaio regionale del Pd, Michele Emiliano.
Ecco il testo integrale:
Caro Emiliano,

sono davvero turbato dalla tua tentazione costante di trascinare la lotta politica dentro una voragine di insinuazioni, di allusioni e, persino, di bugie, capaci di generare veleni. Ho cercato di non rispondere alle provocazioni, concentrandomi sull’attività di governo e cercando di impermeabilizzare l’ente Regione dagli effetti della contesa politica.

Ma ciò che è accaduto oggi non può essere derubricato a semplice provocazione. La verità dei fatti è questa: abbiamo fatto una riunione di maggioranza, nel mio ufficio, per discutere della variazione di bilancio: che conteneva una importante risposta ai bisogni del nostro Gargano ferito dall’alluvione.

Leggi tutto: Vendola scrive ad Emiliano: "Turbato...

Romano (capogruppo Pd alla Regione): scelgo Emiliano perché ...

Il momento di decidere è arrivato. Domenica 30 novembre il popolo del Partito democratico ha il compito di decidere. Io ho già scelto come voglio che vada a finire: voglio che alla guida della nuova Regione Puglia ci sia un uomo che negli ultimi dieci anni ha dimostrato di saper governare, amministrando con successo il Comune di Bari, il capoluogo della nostra regione.

Sto parlando, come avrete capito, del nostro segretario regionale, Michele Emiliano. Sto parlando del sindaco di Puglia. Un appellativo, quello di sindaco, che calza a pennello con il programma con cui Emiliano intende portare avanti la sua presidenza.

Un sindaco per i sindaci, un presidente al servizio dei territori. Un uomo che sa già cosa significa il rapporto tra Comune e Regione, tra Comune e Governo nazionale, tra Comune, Regione e Unione europea. Se ci fosse un passaggio obbligato per diventare presidente di una Regione, in particolare se si stratta di un regione del Sud, questo dovrebbe essere l’aver amministrato, almeno una volta nella vita, un Comune.

Leggi tutto: Romano (capogruppo Pd alla Regione):...

Friolo:”La denuncia del Presidente dell'ordine dei medici di Lecce e il silenzio della politica”.

Nota del consigliere regionale di Forza Italia, Maurizio Friolo.

“La denuncia del presidente dell’Ordine dei Medici della provincia di Lecce, Luigi Pepe, sulla mancata applicazione della legge regionale n. 43 del 17 ottobre scorso, in vigore dal giorno della pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 149 del successivo 24 ottobre, e che prevede l’insediamento del Collegio di direzione, organo di fondamentale importanza e delicatezza nel corretto funzionamento delle Asl, nella programmazione, nella pianificazione e nell’organizzazione delle varie attività, accende l’ennesima spia sull’inquietante silenzio della politica rispetto all’anarchia imperante in molte Asl, non solo in quella di Lecce.

Con i direttori generali decaduti e in scadenza di mandato che, nonostante l’ indicazione dell’assessore alle Politiche per la Salute di attenersi all’ordinaria amministrazione, deliberano di tutto senza però concentrarsi unicamente su quanto dovrebbe essere di loro pertinenza: il rispetto e l’osservanza delle leggi.

Leggi tutto: Friolo:”La denuncia del Presidente...

Friolo: “Stabilizzazione negata ai 22 lavoratori della Sanitaservice Brindisi”

 

“La nuova protesta dei ventidue lavoratori del data entry della Sanitaservice di Brindisi – società in house della locale Asl -, da dodici anni ormai in attesa di stabilizzazione, nonostante ripetute promesse e rassicurazioni, è una sconfitta e una evidente contraddizione per chi nel centrosinistra si è sempre professato un paladino di diritti negati e ha sostenuto strenuamente la necessità e il dovere morale di stabilizzare il personale precario. Salvo poi dimenticare e ignorare numerose altre figure professionali da anni al servizio della comunità, in particolare nell’ambito sanitario, forse perché non legate alla politica e non apertamente schierate a favore di questo o quel candidato presidente alle primarie, o a consiglieri di turno in odore di riconferma o aspiranti tali.

Una palese ingiustizia che ho più volte denunciato in tempi non sospetti attraverso interrogazioni, interventi, prese di posizione chiare e inequivocabili in ogni sede, istituzionale e non, che non hanno sortito effetto alcuno.

Leggi tutto: Friolo: “Stabilizzazione negata ai 22...

Regionali, vertice centrodestra: a breve ultimo incontro per scelta candidato

A giorni l'incontro conclusivo per la scelta del candidato presidente della coalizione e per individuare le priorità programmatiche da inserire nella proposta politica per la Puglia. Si è tenuto stamane a Bari, presso il Consiglio regionale, il vertice della coalizione di centrodestra a cui hanno partecipato i responsabili dei partiti ed i capigruppo consiglieri regionali di Forza Italia, Nuovo Psi, Fratelli d’Italia, Movimento Politico Schittulli, Puglia prima di tutto e Nuovo Centrodestra.

A margine dell’incontro, è stato firmato da tutti i partecipanti un documento politico con cui viene confermata l’adesione al progetto di centrodestra, in chiara alternativa al governo regionale uscente di sinistra. Inoltre, la prossima convocazione della Costituente Popolare potrebbe ampliare ulteriormente i confini della coalizione che si avvicina alle valutazioni complessive prima di aprire la campagna elettorale. 

Leggi tutto: Regionali, vertice centrodestra: a...

Regione: Cervellera su sue dimissioni da SeL

Nota del consigliere regionale Alfredo Cervellera sulle motivazioni delle sue dimissioni da SeL. 

"L'ennesimo segnale venuto dalle regionali dell'Emilia e della Calabria è illuminante anche per la mia scelta: sta avvenendo una scissione silenziosa dell'elettorato di sinistra dai partiti di riferimento storico che sono diventati contenitori vuoti.

Non si ha un'alternativa e non si va a votare.

Sono stato con i compagni di Sinistra Democratica tra i fondatori in Provincia di Taranto di SEL: avevamo l'ambizione e il sogno di creare un'alternativa vera e di sinistra all'ammucchiata che si era consumata con la nascita del PD tra centristi ed ex Ds.

C'erano i socialisti, i Verdi, gli ambientalisti e le varie anime ex PCI: sono quasi tutti andati via da Sel ad eccezione del nucleo storico degli ex provenienti da Rifondazione Comunista, che ha egemonizzato il Partito e lo ha ridotto a mero esecutore delle volontà del Capo.

Nessun pensiero critico o autocritico era ammesso e chi si opponeva a questa gestione leaderistica era di fatto emarginato, come è successo a Taranto a me ed ai compagni del Circolo Pertini, il più importante della Provincia per numero di iscritti, che recentemente ha abbandonato Sel.

Leggi tutto: Regione: Cervellera su sue dimissioni...

Legge elettorale - Romano: "Sel non vuole un nuovo testo"

“E’ stata proprio Sel a dire di no alla ipotesi di un gruppo di lavoro ad hoc, a chiedere il voto a maggioranza in Commissione, e ora dictoe no anche al voto in Aula: ci viene il dubbio che siano loro a non volere una nuova legge elettorale”.

Lo sottolinea il capogruppo del Pd alla Regione Puglia, Pino Romano. “Ma quali accordicchi e benevolo lasciar stare”, aggiunge riferendosi alla nota conguinta di Sel e Ppv, “qui si tratta di riconoscere la volontà dei cittadini e non quella di chi pensa solo a portare avanti gli interessi del proprio partito. Questi sì che sono accordicchi, ma a noi non interessano”.

“Quello che ci sta a cuore – ribadisce Romano – è che la legge elettorale sia il più possibile condivisa, al fine di rispettare la volontà dei pugliesi che chiedono una chiara rappresentatività della classe dirigente”. “E poi – prosegue Romano – il Pd non rinuncia di certo ai capisaldi su cui ha costruito, insieme ai cittadini, la propria proposta di legge elettorale: doppia preferenza, parità di genere e soglia di sbarramento”.

Leggi tutto: Legge elettorale - Romano: "Sel non...

Friolo: Banca d'italia e Corte Conti smascherano bluff ‘Puglia migliore'.

Di seguito, una nota del consigliere regionale di Forza Italia, Maurizio Friolo.

“Era iniziata con l’annuncio di una ‘rivoluzione dolce’ operata dalla ‘Puglia migliore’, l’epopea vendoliana e del centrosinistra. Sta terminando travolta da numeri agghiaccianti: quelli elaborati dalla Banca d’Italia relativi ai primi nove mesi dell’anno in corso, che attestano e fotografano una caduta libera anche in un comparto che pure era stato illustrato come un traino per l’intera economia regionale, il turismo internazionale (nonostante milioni e milioni di euro spesi per la promozione, compreso il discusso rinnovo del contratto con la compagnia low cost Raynair).

E quelli all’attenzione della Corte dei Conti, in particolare inerenti le società partecipate, con relative recenti assunzioni dopo l’approvazione in Consiglio del disegno di legge che rischia di pesare come un macigno anche sulle amministrazioni che verranno (ammesso che non venga stracciato dalla Corte Costituzionale), per i costi legati al personale vecchio e nuovo stabilizzato in massa.

Leggi tutto: Friolo: Banca d'italia e Corte Conti...

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy.