Hannu mpacciutu tutti cu lu "nsurfu" (ti Cocu ti la Ngegna)

Carissimo dirittori,

sai ca no ti scrivo cchiui pirceni mi hanno pighhiatu tutti a mmali palori ca no sono giurnalistu e mancu giurnalaiu com'a Palmisano e Franciosu (bon'anama)

Leggi tutto: Hannu mpacciutu tutti cu lu "nsurfu"...

Ci scrive Giovanni Della Piazza, fratello di Coco e zio/cumpari ti Frangesco.

Carissimo dirittori,

ti alleco questa lettara risirvata personali scritta a nomi di cuginoma Coco della Piazza

Leggi tutto: Ci scrive Giovanni Della Piazza,...

Cocu ti la chiazza ci scrive ... purtroppo per l'ultima volta!

Dirittori caro e no carissomo,

sai ca no ti scrivo cchiù da circa quasi due anni

Leggi tutto: Cocu ti la chiazza ci scrive ......

Cocu ti la chiazza e l'urtimo ti l'anno!

Carissimo ddirittori,

nci voleva l’urtimo ti l’anno cu diventu giornalisto. No ca mi hanno tato il tesserino, ca avoglia cu spettu! Ho divintato giornalisto pirceni como i crunisti tella carta stampata iu oggi non ho fatiato ca mo ti spieco.

Leggi tutto: Cocu ti la chiazza e l'urtimo ti l'anno!

E’ Natale: “più sagna per tutti” (di Cocu ti la chiazza).

Riceviamo e volentieri pubblichiamo un'altra nota del nostro collaboratore Cocu ti la chiazza e questa volta prendendo a pretesto una serrata dialettica tra colleghi della stampa ci dice: E' Natale: "più sagna per tutti"!  Buon divertimento!

Carissomo ddirittori,

toppo la mia lettera ca ti ho mandato pillammaculata, manco un crazie; manco una busta ti pasta e una boatta di pummitori, ca puru mi bissognano. Abbiamo rimasti ca tu vuoi fare il “Libbro ti Cocu”, ma turnisi o maccarruni, quani no ssi nni vetunu. E già ca tu poi mi piggli pi lu nasu, ca mi tici ca nossono cronista e ca no mi puoi paiari.

Mo mi anno titto ca si stanno pigghiando a cuerpi di fiorelli – ca poi ntra nnoi ca no siamo cronisti sono cuerpi ti mazza, comu quiddi ca mi minava zziuma Chiccu – pi nna spasa di sagna due crunisti ti Misciagni.

Leggi tutto: E’ Natale: “più sagna per tutti” (di...

Il ritorno ti Cocu ti la chiazza: Ti la Maculata la prima pittulata.

Carissimo ddirittori,

mo ave assai ca notti posso scrivere. L’atra sera nci siamo ccuntrati alla prisintazzioni del libbro di comparama Manuveli Castrignanò, ca prima era sindacalista e mo faci li puisii e mi hai titto: “Ue Cò! Aveassai ca no mmi scrivi nienzi. No uè ffaci nu bellu librru cu mei?” Iu aggiu rituto, ma mo ca nci sta penzu, ci ssignuria tieni li sordi, nnu bellu “Libbru ti Cocu” lo potiamo fare.

Mo lassimi sciri, però, “ca lu vilenu mò mi strafoca”, tici Pernia a “Pernieccola”. Ca iu moni no’ ti sta scrivu pillu libbru, ma cu ti contu cce mmè successu osci a menzatìa, ca eti la Mmaculata.

Tu sai ca a Misciagni (e fori ti Misciagni) si mangiunu li pettuli. Nonnama li facia, mama li facia e puru moglierima li faci, assulu, cu lu bbaccalai, cu l’aulia, cu lli cchiapparini, comu vuei…

Leggi tutto: Il ritorno ti Cocu ti la chiazza: Ti...

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy.