L'elogio dell'ignoranza (di Fulvio Rubino).

Joseph Stiglitz, premio Nobel per l’economia nel 2001, nel suo libro "La globalizzazione e i suoi oppositori" (Einaudi) ha argomentato sugli errori degli organismi economici internazionali nella gestione delle crisi economico-finanziarie affermando, in particolare, che le proposte di soluzioni avanzate dal Fondo Monetario Internazionale sono state sempre quelle della riduzione delle spese statali, della deflazione della moneta e della necessità di aprire i mercati Locali agli investitori esteri.

Stiglitz afferma che queste risoluzioni, che i paesi in crisi ed i paesi poveri dovevano (ma possiamo affermare che “devono”) obbligatoriamente applicare, non rispondevano (id. “non rispondono”) alle effettive loro esigenze economie, tanto che si sono rivelate inefficaci se non, addirittura, di ostacolo per il superamento delle crisi.

Le riflessioni di Stiglitz hanno una importanza notevole perché provengono, oltre che da un premio Nobel ed ex-presidente dei consiglieri economici dell’amministrazione Clinton, da un economista che è stato, presso la Banca Mondiale, Senior Vice President e Chief Economist, prima di essere stato costretto, nel 2002, alle dimissioni dal Segretario del Tesoro Lawrence Summers a causa proprio delle sue denunce.

Leggi tutto: L'elogio dell'ignoranza (di Fulvio...

L'imbroglio delle retribuzioni (di Fulvio Rubino).

E' da tempo che diverse testate e organizzazioni sindacali affermano che dietro la riforma meritocratica della carriera, proposta dal Governo Renzi, si nasconda l'imbroglio della riduzione delle retribuzioni.

A dire il vero le mistificazioni nel documento del governo sono diverse a cominciare dalla pubblicazione di tabelle stipendiali di riferimento che sono "Lordo Stato" e non "Lordo Dipendente", quasi a voler creare una opinione diffusa nella società che le retribuzioni degli insegnanti sono molto elevate

Leggi tutto: L'imbroglio delle retribuzioni (di...

La riforma Monti-Fornero, una legge truffa per i lavoratori (di Fulvio Rubino).

L’osservazione sistematica dei fenomeni sociali avvenuti in quest'ultimo anno, gli attori, i registi, le comparse, gli ultimi, quelli non presenti sulla scena, mi spingono a ritornare a parlare dell'art.24 del D.L. 201/2011, convertito con modifiche in L. 214/2011, più comunemente conosciuto come riforma Monti-Fornero, che a suo tempo (già il 07/12/2011 - http://lavorosocieta.cgil.it/archivio/87-archivio/3846-annotazioni-in-materia-previdenziale- e successivamente con la pubblicazione "RI-PENSARE LA PREVIDENZA tra sostenibilità finanziaria e sostenibilità sociale") ho definito una vera e propria contro-riforma del sistema previdenziale italiano.

Il trascorrere del tempo ha reso consapevoli, conclamato e reso ancor più evidenti le negatività solo supposte nell'immediatezza dell'approvazione della norma, tanto che, a mio avviso, il complesso delle norme sulla previdenza approvate con la L.214/2011 può essere definita una vera e proprio LEGGE TRUFFA.

Leggi tutto: La riforma Monti-Fornero, una legge...

Uilp: i pensionati del meridione il 5 novembre a Palermo.

Si torna ancora a parlare d’imposte, austerità, flessibilità. Le pensioni hanno perso in questi ultimi anni, il 4-5 per cento del loro potere d’acquisto. Le tasse colpiscono le famiglie, i pensionati, le persone non autosufficienti e gli incapienti. La Uil pensionati territoriale di Brindisi chiede al governo di non lasciare nel dimenticatoio le persone anziane e i pensionati, che hanno un ruolo importante all’interno e all’esterno delle famiglie, oltre ad essere protagonisti delle comunità sociali.

I pensionati, essendo portatori di memoria, esperienze e saperi, vogliono essere ascoltati e dare il loro contributo per fare uscire dalla crisi un Paese con minori disuguaglianze, più equità, più solidarietà e più coesione sociale.

Leggi tutto: Uilp: i pensionati del meridione il 5...

Sindacati dei pensionati mesagnesi contro la Tari ( di Giuseppe Florio).

Fronte comune dei sindacati dei pensionati contro la TARI. Una durissima nota a firma Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil apre una nuova vertenza contro l'odiato tributo comunale, già contestato da settimane dalle forze politiche di opposizione e in definitiva dai cittadini. «Si mortifica ancora una volta chi non ce la fa più», lamentano le sigle sindacali, rivendicando di «voler essere parte attiva e responsabile della gestione della cosa pubblica» e ritenendo «indispensabile il dialogo e la collaborazione con l'Amministrazione Comunale».

Il sindacato unitario si fa portavoce delle innumerevoli richieste avanzate presso le proprie distinte sedi, così da aver deliberato – nei direttivi riuniti in forma congiunta – l'avvio di una fase di contrattazione sociale. Le organizzazioni di tutela hanno incontrato negli scorsi giorni il sindaco Franco Scoditti, l'assessore al Bilancio Carlo Caforio ed il dirigente dell'ufficio competente per affrontare e discutere lo spinoso nodo della TARI.

Leggi tutto: Sindacati dei pensionati mesagnesi...

RSU: l'Amministrazione per l'Anagrafe ha agito alternando insipienza a furbizia con tratti belluini.

L’Amministrazione comunale contraddicendo i motivi che adduceva per tenere chiuso l’Ufficio Anagrafe il giovedì mattina ne ha disposto l’apertura. Tutti i nodi vengono al pettine : le Organizzazioni Sindacali e la R.S.U. avevano ed hanno ragione quando sollevano un problema di ristrutturazione e di riorganizzazione degli uffici e dei servizi, riconoscendo il lavoro svolto dai dipendenti. Ovviamente tale apertura va inserita in un più ampio ragionamento che la A.C. deve tenere con le scriventi Rappresentanze Sindacali al fine di riorganizzare la macchina comunale.

Il Sindacato ha dimostrato ancora una volta di lavorare nell'interesse della Collettività mesagnese, sa bene come vanno organizzati ed articolati i servizi per essere efficaci, efficienti ed economici; Per questo, con cognizione di causa, non può esimersi dal richiamare la responsabilità di Chi ha creato e crea i disservizi. Disservizi causati dall'alto che ricadono sui Cittadini e di riflesso sulle Lavoratrici ed i Lavoratori dell'Ente. Vale a dire che, come sempre è stato chiesto, la A.C. deve confrontarsi con i diretti Rappresentanti dei dipendenti comunali, che conoscono i problemi e ne hanno le soluzioni.

Leggi tutto: RSU: l'Amministrazione per l'Anagrafe...

Il comunicato finale dell'Assemblea dei dipendenti comunali.

Abbiamo richiesto e ricevuto il comunicato stampa delle conclusioni dell'Assemblea generale dei dipendenti comunali. Lo pubblichiamo volentieri.

Oggi 22 settembre, nella partecipatissima Assemblea Generale tenutasi nell'aula consiliare del Comune le Lavoratrici ed i Lavoratori  hanno preso atto increduli della ignavia di questa A.C., che non ha voluto dare risposte ai problemi annosi posti all'attenzione della pubblica opinione e dalla stessa A.C. creati. Dopo aver riconosciuto il duro lavoro di proposta svolto dai propri rappresentanti sindacali e dopo ampio dibattito i Lavoratori hanno confermato la validità delle proposte avanzate e di volerle sostenere con ogni forma di lotta.

Quindi nell'interesse generale si chiede alla A.C. di sottoscrivere l'Accordo quasi raggiunto ed inspiegabilmente non ancora validato. 

L'Assemblea concordemente con i propri rappresentanti denuncia gli sprechi, di cui è a conoscenza, perpetrati da questa A.C. e lancia in nome della recente normativa sulla trasparenza degli atti una campagna di informazione nei confronti della Cittadinanza iniziando sin d'ora.  

Leggi tutto: Il comunicato finale dell'Assemblea...

Uilp: più flessibilità per le pensioni.

In vista della legge di Stabilità si torna a parlare di contributo di solidarietà sulle pensioni superiori a 3,5 – 4 mila euro. Austerità, flessibilità e imposte sono le nostre criticità. Le pensioni hanno perso in questi ultimi anni, il 33% del potere d’acquisto. Le tasse colpiscono le famiglie, i pensionati, le persone non autosufficienti e gli incapienti.

La Uil pensionati territoriale di Brindisi chiede più flessibilità per le pensioni. Non è possibile uscire dal mercato del lavoro in una “data fissa e uguale per tutti”. La riforma della Previdenza dovrebbe considerare tra le sue linee guida “la libertà di scelta”, valutazione soggettiva del cittadino, in base ad una certa quota di contribuzione raggiunta e decidere se andare avanti o continuare a lavorare. Le riforme previdenziali hanno valutato finora l’età lavorativa, ma “non tutti i lavori sono uguali” come l’età e la possibilità fisica non permette a tutti di poter lavorare e di accettare in modo continuo e uniforme, quel lavoro: immaginiamo un insegnante a scuola con i bambini di 6 anni, un muratore su un tetto di una casa o un minatore di 80 anni a lavorare in una miniera.

Leggi tutto: Uilp: più flessibilità per le pensioni.

La protesta del Sindacato sul ticket di € 2 per ogni prenotazione in Farmacia.

Le Segreterie dei Pensionati CGIL CISL UIL di Puglia esprimono forte dissenso rispetto alla delibera regionale che, in virtù di una convenzione con Federfarma, impone un ticket di € 2, a carico dell’assistito, per ogni prenotazione di visita medica o analisi, effettuata presso le farmacie.

Tra l’altro, non si tiene conto dei pensionati, che rappresentano la fascia più numerosa degli utenti, dei bassi redditi, dei disabili e dei cronici, costretti a fare un uso maggiore di tali servizi.

Nel denunciare tale insensibilità, si invita la Regione a ritirare la delibera ed a tenere nella giusta considerazione, stante il totale silenzio, la richiesta che le Segreterie dei Pensionati SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL hanno rivolto al Presidente Vendola ed all’Assessore Pentassuglia, ad affrontare e risolvere cronici ritardi ed aspetti legati al socio-sanitario che interessano anziani, pensionati e non autosufficienti.

Leggi tutto: La protesta del Sindacato sul ticket...

Uilp: clima autunnale incandescente nelle previsioni.

“Intervenire sulle pensioni, fare una legge sulla non autosufficienza e chiedere un’offerta per la ricerca in modo dignitoso non dovrebbe essere dal punto di vista politico, un gesto di disperazione, ma il segnale di un governo etico oppure giunto al capolinea”.

Il criterio è di concentrarsi sulle evasioni fiscali più gravi; le quali oltre al danno erariale, provocano distorsioni alla libera concorrenza e danneggiano i contribuenti in regola con il Fisco. Ben 4 aziende su 5 (ovvero su 122.000 imprese 99186, l’81,3% delle Micro, Piccole e Medie Imprese) non riescono a rispettare i termini di legge previsti per il versamento di tasse e contributi previdenziali all’Amministrazione dello Stato. Di fronte a tali difficoltà, Equitalia notificherà  per gli incapienti dal 2015, le cartelle esattoriali allegando dei piani di rateazione precompilati.

Leggi tutto: Uilp: clima autunnale incandescente...

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy.