Je suis Charlie (di Homo Videns)

Lo smarrimento è forte, dopo l’ultima strage compiuta (indegnamente) in nome di una religione, quella islamica. Lo sconcerto domina, sia in Francia, che in Italia, come negli altri paesi europei ed occidentali. Com’è possibile uccidere in nome di Dio?

Leggi tutto: Je suis Charlie (di Homo Videns)

Cocu ti la chiazza e l'urtimo ti l'anno!

Carissimo ddirittori,

nci voleva l’urtimo ti l’anno cu diventu giornalisto. No ca mi hanno tato il tesserino, ca avoglia cu spettu! Ho divintato giornalisto pirceni como i crunisti tella carta stampata iu oggi non ho fatiato ca mo ti spieco.

Leggi tutto: Cocu ti la chiazza e l'urtimo ti l'anno!

Il diritto di resistenza (di Carmelo Molfetta).

Non tutto il dibattito svolto durante i lavori della Costituente confluì poi nella Carta Costituzionale.

Uno dei casi più famosi fu proprio quello dell’inclusione della legge elettorale tra quelle originariamente ritenute non assoggettabili a referendum abrogativo.

Leggi tutto: Il diritto di resistenza (di Carmelo...

Orsini, candidato sindaco? ma solo con un partito unito (di Giuseppe Florio).

Il malore delle scorse settimane non ne ha fiaccato né il corpo né lo spirito. Anzi, Fernando Orsini sembra aver acuito l'arguzia e la capacità di analisi che ne hanno contraddistinto l'intera vita pubblica e privata.

Leggi tutto: Orsini, candidato sindaco? ma solo con...

La casa di Carlo un racconto in anteprima.

Il breve racconto che segue è stato scritto a quattro mani dall’intellettuale e regista teatrale Giancarlos Stellini e  da Carlo Anzini. Il pezzo aprirà la serata di letture programmata per il prossimo 29 dicembre presso la libreria Lettera 22 a Mesagne. 

Carlo vive in una macchina e non gli manca nulla, ma proprio nulla.

Ha persino un cane di nome Snoopy, un po’ attaccabrighe è vero, nonostante la piccola statura allungata, con quell’andatura da bulletto di quartiere, dinoccolata e strafottente, per via in realtà di una zampa che ad ogni passo che fa sembra volersene uscire per fatti suoi dalla scapola. Un infortunio. Pare che dei ragazzi con poco sale in zucca ma tanta tanta spensierata cattiveria, si divertissero con lui a fargli fare salti da un’altezza tale che ogni volta che toccava il pavimento il povero Snoopy vedeva le stelle.

Come il suo padrone anche Snoopy è un gran sognatore. I suoi occhi quando ti guardano – tanto sono dolci e languidi – paiono fatti di panna montata con al centro un chicco tondo tondo di cioccolato fondente.

Leggi tutto: La casa di Carlo un racconto in...

E’ Natale: “più sagna per tutti” (di Cocu ti la chiazza).

Riceviamo e volentieri pubblichiamo un'altra nota del nostro collaboratore Cocu ti la chiazza e questa volta prendendo a pretesto una serrata dialettica tra colleghi della stampa ci dice: E' Natale: "più sagna per tutti"!  Buon divertimento!

Carissomo ddirittori,

toppo la mia lettera ca ti ho mandato pillammaculata, manco un crazie; manco una busta ti pasta e una boatta di pummitori, ca puru mi bissognano. Abbiamo rimasti ca tu vuoi fare il “Libbro ti Cocu”, ma turnisi o maccarruni, quani no ssi nni vetunu. E già ca tu poi mi piggli pi lu nasu, ca mi tici ca nossono cronista e ca no mi puoi paiari.

Mo mi anno titto ca si stanno pigghiando a cuerpi di fiorelli – ca poi ntra nnoi ca no siamo cronisti sono cuerpi ti mazza, comu quiddi ca mi minava zziuma Chiccu – pi nna spasa di sagna due crunisti ti Misciagni.

Leggi tutto: E’ Natale: “più sagna per tutti” (di...

Carlo: senza casa, ma non senza dignità (di Giuseppe Florio).

Mettiamola così: Carlo non può pasteggiare a tavola sorseggiando un rosso, fare una doccia, mettere il pigiama di pile, guardare un po’ di tv stravaccato sul divano prima di andare a dormire e poi riposare tra i guanciali fino al risveglio. In realtà, Carlo non può fare proprio nulla: non ha né un pavimento né un tetto, ma non vive in via dei Matti al civico zero, lui non ha una casa. Vive da tre mesi nello spazio angusto di una utilitaria malmessa, in compagnia di Snoopy, adorabile cagnolino strappato alla vita da canile.

Raggiungendolo in via Giovanni Antonucci, larga traversa a ridosso della scuola elementare “G. Falcone”, uno si aspetta di trovare una carcassa d’uomo: disperato o inerte e depresso. E invece Carlo Anzini è un monumento alla dignità, è composto, interessante, colto, e racconta una vicenda complicata e dolorosa con inaspettata arguzia.

Leggi tutto: Carlo: senza casa, ma non senza...

Raffaele Depunzio: col PD si può parlare, aspettiamo rinnovamento e adesione al nostro programma (di Giuseppe Florio).

A differenza del padre Damiano, che aveva una personalità amabile, Raffaele Depunzio ha un carattere spigoloso e qualche volta ispido. Ma proprio dal padre, socialista intransigente, sembra aver ereditato la caparbietà, la passione civile e la capacità di approfondire anche le tematiche complesse. In forza di ciò, proprio dal giovane Depunzio sono infatti derivate le vertenze più ostiche per l’amministrazione Scoditti. Oggi Depunzio è dirigente di ProgettiAmo Mesagne.

A che punto è ProgettiAmo Mesagne sul piano delle alleanze? Il dialogo col PD si è infittito, porterà ad un risultato?

«C’è stato uno scambio di opinioni, non possiamo parlare di trattativa, abbiamo indicato le nostre priorità, su cui chiediamo convergenza, al di là di una eventuale alleanza. La città ha bisogno di risposte, pretende ci sia una inversione di rotta, e vuole ristabilire un rapporto di fiducia con i futuri amministratori. I commenti spesso calunniosi sui social network, sono espressione della distanza fra il “palazzo” e la comunità. È necessario arginare tale deriva con gli strumenti per i quali ci siamo battuti: adesione alla “Carta di Pisa”, adozione della “Carta dei Servizi della P.A.”, rimodulazione della macchina amministrativa. Su altri temi si può trovare un percorso comune».

Leggi tutto: Raffaele Depunzio: col PD si può...

Mesagne bene comune: sulla partecipazione Scoditti ha fallito (di Giuseppe Florio).

Quelli di Mesagne Bene Comune sono sfrontati, non di rado impertinenti e qualche volta arroganti. Ma il sindaco Scoditti questa volta se l’è cercata. Il primo cittadino si era lamentato negli scorsi giorni della mancata partecipazione civica all’iniziativa “Cittadini interattivi”, presentata giusto alla fine della consiliatura, dopo 4 anni di arroccamento dell’amministrazione nella propria torre d’avorio. Certamente la qualità dell’opinione pubblica mesagnese negli ultimi anni è precipitata, degradando verso soglie di volgarità o inconsistenza. Restava però una fetta di popolazione attenta, visibilmente ansiosa di partecipare allo svolgimento ed anche al condizionamento della vita pubblica, che oggi è frustrata dall’andazzo.

Mesagne Bene Comune ha intanto optato per una svolta «celodurista»: presenterà nei prossimi giorni un esposto presso la Procura della Repubblica al fine di verificare la legittimità degli impianti fotovoltaici in località “Masseria la Cattiva” e “Masseria Vasapulli”, entrambi localizzati in agro di Mesagne. A detta dei suoi dirigenti, «gli impianti in località “La Cattiva” sarebbero stati autorizzati nonostante si trovino in un’area indicata dal PUTT (Piano Urbanistico Territoriale Tematico) come area a tutela integrale»; ciò varrebbe anche per quelli installati il località Vasapulli.

Leggi tutto: Mesagne bene comune: sulla...

Sulla legalità invertire la rotta (di Giuseppe Florio).

Non accenna a placarsi la polemica sui temi della legalità. Innescata dalla segreteria politica di ProgettiAmo Mesagne, rinfocolata dalla risposta del sindaco Scoditti, trova una nuova puntata nella controreplica del movimento civico guidato da Domenico Magrì e Antonio Calabrese.

Scrivono in una nota: «L’accusa che Scoditti ci rivolge di mistificare i fatti ci spinge a ribadire i tanti comportamenti con cui lei e la sua giunta avete gravemente nuociuto all’immagine della nostra città: la questione della costituzione di parte civile dell’amministrazione comunale nei processi penali a carico della criminalità organizzata, da noi più volte sollecitata, che ha visto l’imbarazzante contrapposizione, nello stesso procedimento penale, dell’amministrazione comunale in qualità di parte offesa e dei suoi assessori (praticamente un terzo della sua giunta) come difensori dei principali imputati mafiosi! O il fallimento e la rinuncia all’Osservatorio della legalità quale strumento fondamentale per lavorare ad un serio cambiamento culturale del paese.

Leggi tutto: Sulla legalità invertire la rotta (di...

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy.