Qui Salento di dicembre in edicola (Pittule, pupi e ulivi secolari).

IL PATRIMONIO DEL SALENTO

Le "pittule" possono essere considerate un po' lo specchio del Salento autentico, nella loro semplicità riflettono l'anima di un popolo, di una comunità che ha dovuto fare di necessità virtù, riuscendo a produrre piatti che fanno gola con gli spesso miseri ingredienti a disposizione. Un prezioso patrimonio e un modello per il Salento, soprattutto in una stagione in cui le risorse non abbondano, anzi decisamente scarseggiano. Con una copertina dedicata alle "pittule" si presenta il numero del 1° dicembre di quiSalento, la prima rivista di turismo e tempo libero della provincia di Lecce. quiSalento è in edicola con 88 pagine a colori e tutte le notizie di eventi, cultura, tradizioni e attualità (quiSalento si trova anche nelle edicole di Brindisi e provincia, di Taranto e provincia).

NEL REGNO DEI "PUPI"

Leggi tutto: Qui Salento di dicembre in edicola...

La fabbrica di Bardaro (di Carmelo Colelli).

Sabato scorso, percorrevo la Brindisi-Mesagne, in macchina. Con me c’erano i miei due figli. Dopo aver superato la vecchia casa cantoniera, ancora rossa con i profili bianchi, ecco alla mia destra un edificio malconcio, ridotto male dalle intemperie del tempo e dall’abbandono.

Mia figlia mi chiese cosa fosse quella struttura, non me l’aspettavo, ma la domanda mi giunse gradita: mi diede la possibilità di raccontare una mia esperienza di molti anni fa.

In quel capannone, negli anni ’60, vi era la fabbrica di Franco Bardaro, per la produzione di bevande, aranciate, limonate e gingerino: le Aranfrutto, le Lemonfrutto e il Ginger 007, un vero gioiello, in quegli anni.

Ricordi affiorano alla mente: avevo messo piede in quella fabbrica, nel lontano mese di Luglio del 1969 e ne ero rimasto affascinato dalla linea di produzione, di acciaio scintillante, movimentata meccanicamente, dalle luci che si accendevano e si spegnevano sul pannello di controllo linea, dall’ordine, dalla pulizia, dal laboratorio chimico per l’analisi dei prodotti, l’acqua e i componenti per la produzione delle bibite.

Leggi tutto: La fabbrica di Bardaro (di Carmelo...

Attezione alle previsioni ... (di Quartarieddu).

Sta cchiovi e la paura stai, stai!

Genuva, Roma, lu cicaloni a Catania! E a Misciagni? Peppu Messi è cuminzatu cu scrivi “sinducu … e l’allarmi pi’ Misciagni … mai? Sempri alla Rota ti la furtuna ama spirari?

Allora lu Sinducu è pinzatu: “No ue’ viti ca ama cappari arretu la 'nfurrata ti Mariu Scanusciutu!” E chiamatu Luvici ed è dittu: Fuci allu Canali ti la Calima viti ci faci mossa. Poi è chiamatu totta l’unità ti crisi sobbra alla Cumuni cu stannu tutti pronti pi’ la bisogna”.

E allora fuci ti qua … fuci ti ddani Luvici cu la macana ti tonna Samuela vici puru edda a uardari lu canali a squatrari casu mai l’aqua ti lu canali facìa mossa, … poi cu lu talifuninu chiama l’amici ti La Torri e ddummanda dammeru ce sta succeti!

Lu Sinducu tici ca è avutu l’allarmi ti Brindisi e se datu subbutu ti fari cu l’unità ti crisi, li ‘ngigneri ti l’ufficiu tecnucu, li uardi, quiddi ca tannu na manu pi’ la pulizia ti li palazzi e ti li strati, tutti pronti e ncununu cu li cambali, atri cu l’anfibbi e pinsati ca puru allu Sinducu hannu purtati nu paru ti calosci ca moni non si nn’usunu cchiui.

Leggi tutto: Attezione alle previsioni ... (di...

San Martinu, li corni ... e l'aneddoto di Marte.

Arriva San Martino ed il sorriso appare sul volto della gente perché per molti è il Santo dei cornuti. Ci sono molte supposizioni sul perché l’11 novembre sia collegato con le corna. Alcuni ritengonno che in questo giorno del lontano 1868 sia nato il Re Vittorio Emanuele III (quel giorno era festa nazionale) il quale (alto 1,53) aveva per consorte la bellissima Elena del Montenegro … ed ovviamente gli oppositori pensavano che …

Ma ci sono altre interpretazioni. Da considerare che per San Martino molte città organizzano feste e fiere in onore dei becchi! Noi abbiamo voluto ricordare questa festività con quel che Quartarieddu (un collaboratore della testata www.mesagne.net, al momento dormiente) ci scrisse lo scorso anno un racconto che riguarda gli Dei, Marte in particolare chiamato Martino per le sue bricconate. A molti, il tutto, parve originale oltre che esilarante. Lo riproponiamo anche quest’anno. Buona lettura!

Leggi tutto: San Martinu, li corni ... e l'aneddoto...

Lu cavalieri ti la terra nostra (di Carmelo Colelli)

La Puglia è piena di maestosi  e meravigliosi alberi di ulivo, alcuni più che centenari, a volte hanno sembianze umane, animalesche, mostruose, sono distorti, contorti, uno diverso dall’altro ma tutti magicamente belli.

Lu cavalieri ti la terra nostra.

Sturtigghiatu, marturiatu ti lu tiempu, piegatu e scavatu ti li ntimperie, rumani sempri nu cantastorie ti la natura, profissori ti tanti materie.

A vistu alli pieti tua femmini e masculi, a statu testimogna di l’amori loru e ti li tuluri loru, a sintutu li storie loru e la stipati pi tantu tiempu.

Comu nu vecchiu, stai prontu cu cuenti, prontu cu dici a ci ti senti, uardamu sempri annanti!

Tieni tanta voglia cu stai dani e sembra ca ndi sta dici:

“m’aggiù piegatu, e m’aggiù stuertu tuttu, agghiu persu parti ti la billezza mia ti quandu eru ggiovini, ma vogghiu stau qquani, vogghiu stau raticatu a sta terra, qquani addo agghiu vistu l’amori ca li cristiani mannu datu pi tantu tiempu.

Leggi tutto: Lu cavalieri ti la terra nostra (di...

Madonna del Carmine: nella festa del 1906 si sorteggiavano due vitelli (di Domenico Urgesi).

Sembra incredibile, ma oltre un secolo fa, per la precisione nel 1906, la festa del Carmine si svolgeva in un modo molto più fastoso di oggi, o… dell’ultimo decennio. Ci guida, in queste osservazioni, un volantino, formato cm 38x27, stampato dalla veneranda Tipografia Castorini. Ecco il Programma:

Sabato 14

Nelle ore pom., dopo il giro per la Città, la nota Banda musicale di Salice Salentino si unirà alla processione che anderà a rilevare la Sacra Immagine dalla chiesa dei PP. Carmelitani. Giunta in Piazza V.E. II, dalle autorità civili ed ecclesiastiche sarà fatta la simbolica cerimonia dell’offerta delle chiavi della Città. Sparo di una fragorosa batteria e grosse bombe.

Domenica 15

Alle 5 del mattino, giro per la Città dalle rinomate Bande di Trinitapoli – Casamassima – Salice Salentino e Montemesola. Funzioni religiose nella Collegiata. Addobbata artisticamente dal sig. Pranzo Salvatore di Torre S. Susanna. Musica nelle piazze Municipio e Garibaldi. La sera le Piazze Municipio, V.E. II e la via Stazione saranno sfarzosamente illuminate a gas acetilene dalla nota Ditta Rossano e Sonetti di Bari. Servizio di orchestra nelle due piazze fino a tarda ora. Accensione di due fuochi artificiali, lavoro dei due pirotecnici Gianfrate Carlo e Fratelli Rubino di Mesagne.

Leggi tutto: Madonna del Carmine: nella festa del...

Lu marcanti ti li scarpi e l’avvucatu. (di Carmelo Colelli).

Lu nunnu Ntognu, lu frati ti lu nunnu Cici, mi cuntau nu fattu ca succitiu tanti anni aggretu.

A Misciagni nc’era nnu cristianu, ca vindia li scarpi, ti precisu lu nunnu Ntognu no ssi rricurdava ci tinia lu nigoziu o vindia allu marcatu.

Nu ggiurnu, a prima matina, addo stu cristianu sciu na bella femmana ti Misciagni, ierta, bruna, capiddi neri neri,putia tiniri na trintina t’anni, si ccuminzau a ‘mparari li scarpi, “quisti no mi piacunu, statri mi fannu lu peti cruessu, quist’atri so troppu chiusi”, lu marcanti apria e chiutia sčatuli ti scarpi, la cristiana si mintia li scarpi, s’azava, caminava, nanzi e cretu, sobbra allu cartoni, si ssittava e si li llivava.

‘Ntra na prova e l’atra tinia sempri na cosa ti tiri, toppu ca si l’era pruvati quasi tutti ticiu: “vogghiu nu paru ti scarpi ca anna essiri belli e commuti, mi l’agghia mentiri sotta a la vesta nova ca m’agghiu fatta cosiri, pirceni Sabbutu ca veni, agghia sciri alla zita, si sposa nipotama.

Toppu chiu ti nn’ora, capau quiddi ca li piaciunu ti cchiui e, ‘ncuminzau a cuntrattari pi llu prezzu.

Lu marcanti vulia settimilaliri, la cristiana ‘nci nni vulia dava soltantu tremila e cinqucientu, toppu tanti tira e mmolla, si ggiustara pi cinqumilaliri.

Leggi tutto: Lu marcanti ti li scarpi e l’avvucatu....

A ci chianta lu lauru … scoppa! Alcune considerazioni di Quartarieddu a proposito degli alberi di Via Carmine.

Quandu tici Misciagni. Poca no' lu criti! Alla via ti lu Carmunu puru Francucciu voli tici la sua. Avi 70 anni ca cercunu cu sistemunu quedda strata cu l'arvuli. Na' vota Tonn'Enzu Zzurfianoi ca era Luvici sinducu, a quiri tiempi, spindìu nu puzzu e mmienzu ti sordi cu faci Misciagni verdi. E la via ti lu Carmuni l'anchìu cu certi spaccimmi ti arvuli ca chiamaunu tutti li muscuni, l'apicieddi e li zanzani ti ntra' Miisciagni e scascìaunu tutti lu bacchittoni.

Quiddi mari ca tiniunu casa a quedda strata cu ponnu campari chiantari cintruni ntra l'arvuli e cussini parecchi ni siccara. E poi vennara quiddi ca s'erana vvendiri nu picca ti arvuli rachitici ca no' annu saputu mai ne' di mei ne' di tei. Quiri ca sannu e ca tenunu lu tiscitoni verdi li chiamunu ibiscus, arvuli ca nci pirdivi puru l'acqua ti ddacquari.

L'atru ggiurnu, a curtu a curtu mi sta' pigghiava lu cafei a ddo' Pignatelli all'angulu ti la villa, ca menu mali puru ci stai sempri ncazzatu pi lu camiu ca frici ogni sera mmeru allu barra sua, lu cafei lu faci bbuenu, leggu ca alla via ti lu Carmunu annu chiantatu 40 arvuli, sì, sì atu capitu 40 arvuli e poi alla manu alla manu leggu ca sontu arvuli ti lauru!

Leggi tutto: A ci chianta lu lauru … scoppa! Alcune...

Lu nunnu Cici e li votazioni.

A Misciagni staunu li votazzioni, moni non mi sta rricordu cci annu era ma sicuru era esseri prima ti lu sessanta.

A cuddu tiempu vivia nu cristianu anzianu, villanu, puvirieddu ma cu tantu cirvieddu ‘ncapu, lu nunnu Cici.

‘Ntra lu paesi, ‘nfacci alli pariti, mmeru alla chiazza e ‘nnanzi alla villa, erunu mmiscati tanti manifesti, tutti culurati, cu li facci ti li candidati.

Ogni partitu di cuddu tiempu tinia li manifesti sua e lu simbulu sua, ci ‘na croci, ci ‘nnu martieddu cu lla fauci, ci lu soli ca sta nascia, ci ‘na fiamma e ci atri cosi.

Ogni sera allu sitili nc’era ‘nu cumizziu, ogni sera parlava ‘nu cristianu tiversu.

Lu nunnu Cici, prima cu si va ssetta ‘ntra la cantina, quedda ca stava vicinu alla chiesa matri, si li sintia tutti sti tiscorsi e si facia lu parere sua.

Leggi tutto: Lu nunnu Cici e li votazioni.

Li mammi nuestri.

Quandu nu piccinnnu o na piccinna erumu a nasciri era na festa pi tutti li vicini ti casa.

Ci capitava ti stati, ‘ntra casa staunu, la cristiana ca era a parturiri, la mmammara, mammasa, li suluri spusati e ‘ncuna vicina ti casa, fori alla strata ssittati vicinu allu bacchittoni, lu maritu e l’atri masculi ti vicinu casa.

Appena ca erumu nati ‘ndi mintiuvu ‘ntra li fassi e ‘ndi tiniuvu ‘mbrazzi comu pupazzi, ‘ndi cantauvu la ninna nanna, cuedda ca sapiuvu o vi rricurdauvu, tanti ti voti cu paroli mancanti o cangiati, ma a nui piacia lu stessu, tantu erumu piccinni, cu ‘ndi faciuvu ddurmesciri, ogni tantu ‘ndi tauvu puru la pupatedda.

La pupatedda la faciuvu cu nnu fazzulettinu biancu, intra ‘nci mintiuvu nu cucchiarinu ti zzuccuru, ttaccauvu lu fazzulettinu a nutu e vinia fori comu a nna pallina ca ‘ndi mintiuvu mmocca comu a nu ciucettu.

E passunu li ggiurni e puru l’anni!

Leggi tutto: Li mammi nuestri.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy.